Clarence - Musica
Clarence
RECENSIONI
Homepage Free Internet Chat Forum Oroscopo Cartoline Clarendario Net to Be superEva superEva
SMS gratis Cerca Messenger Mail Games Links Meteo Free Blog B.I.G.
Sei qui:   Homepage > Cultura e Spettacolo > Società delle Menti > Recensioni > Slaughtermatic
  SLAUGHTERMATIC di STEVE AYLETT

Con Slaughtermatic, Steve Aylett ripropone una letteratura cyberpunk barocca, nervosa e clamorosamente irridente (uno dei protagonisti si chiama Download Jones, è un hacker che è fatto di carne e di Rete - dove peraltro vive -, e ha un nome che sta tra il download e l'indice Down Jones). Moduli irriverenti e altamente sarcastici, a differenza della tradizione c.p. alla Gibson, vengono questa volta impegnati in maniera che si avvicina molto di più alla scrittura stellare di Johnatan Lethem e di Kurt Vonnegut, come dimostrano ampiamente i racconti lisergici di Toxicology (sono diciannove, più un poemetto finale, del tutto leggibile, a differenza degli altri consimili tentativi dell'ex avanguardia underground).
La storia: Beerlight è il prototipo della cittadina americana proiettata in un futuro wired, in cui abbondano violenze e discriminazioni, razzismi e pararazzismi. Riusciranno le feroci caricature dell'istituzione texana (presbiterianesimo a mille, grasso che cola da tutte le parti, conservatorismo e cliché politically uncorrect), lo sceriffo Henry Blince and Benny the Trooper, a fermare gli hacker Dante Cubit ed Entropy Kid, che tentano un assalto alla banca in stile Snowcrash? C'è da stare attenti, perché a sbagliare il codice di accesso al sistema centrale si attiva un dispositivo di protezione tutto particolare: si fa un salto nel tempo di venti minuti, e ci si trova debitamente ammanettati. E' soltanto l'inizio: tra sbalzi temporali e battute memorabili, cronosisimi e insorgere di doppi e cloni, Aylett sviluppa una dinamicissima poetica dell'equivoco e una bruciante ironia che ricorda Chandler e Burroughs.
E' un libro fresco, che segna allegramente la fine della letteratura cyberpunk, poiché ne sfrutta ironicamente gli stili e i motivi centrali. Ah, il libro si è aggiudicato il P.K. Dick Award nel '98, come miglior paperback dell'anno.

  COSTRUISCI CLARENCE...
Se vuoi segnalarci un sito, gestire una rubrica o inviarci un suggerimento clicca qui.


SPONSORED BY:
     
A WWWORLD APART
DadaWebmaster: sindaco@clarence.com - Clarence ® è un marchio registrato di Clarence s.r.l. - Ideato da Gianluca Neri e Roberto Grassilli, realizzato dalla Redazione - Pubblicità - Uff. Stampa - Lavora con noi.
© 1996-2002 Clarence s.r.l.